BOCHOLT – Dopo 51 anni Emanuele Mascolo lascia la presidenza dell’Associazione da lui fondata Italia-Club Brüderlichkeit

Son passati quasi 51 anni, da quando Emanuele Mascolo ha fondato l’associazione “Italia-Club Brüderlichkeit” per unire gli italiani di Bocholt e dintorni.

Sin dalla sua fondazione Mascolo è stato il presidente del club. Ma ora l’80enne ha deciso di dare le sue dimissioni da presidente per motivi di salute. Nella riunione dei soci, Emanuele Mascolo è stato eletto presidente onorario.

Mascolo è uno dei pochi italiani in Bocholt, che ha raggiunto tanto. Ha ricevuto il “Bundesverdienstkreuz” da parte dello Stato tedesco, e il titolo di “Grande Ufficiale”, da parte dello Stato italiano.

Il successore di Mascolo, cioè il nuovo presidente del club, è Sandro Dragone, che ha vinto con la maggioranza dei voti.

“Il club esiste già da 51 anni. Questo non si deve dimenticare”, ha detto Sandro Dragone in un piccolo discorso prima delle elezioni. “Noi siamo italiani”, ricorda ai membri. “Noi dobbiamo vivere, quello che siamo”. Irma Masecchia è la nuova vicepresidente, visto che è cresciuta con il club. Masecchia desidera che i bambini italiani di Bocholt e dintorni possano avere una infanzia simile alla sua. “Non ho la minima idea come funzioni, però sono pronta a imparare”, ha detto sinceramente Masecchia sul suo nuovo incarico.

Claudio Christinziani è stato eletto segretario. Inoltre, Loredana Morotti è stata eletta nuovamente tesoriere. Ha detto di aver pensato di dimettersi dal suo incarico, ma visto che il club sta subendo una rinnovazione, ha deciso di rinnovare l’incarico da tesoriere.

Come tutti gli iscritti del club il nuovo presidente e la vicepresidente hanno un gran rispetto per il lavoro di Emanuele Mascolo, “Sappiamo che seguiremo le grande orme di Emanuele Mascolo”, ha detto Masecchi dopo la festa. “Porteremo avanti il club in modo tradizionale, però faremo anche dei cambiamenti”, ci comunica Dragone.

Inseguito Mascolo ha rivisto i suoi momenti più belli del periodo nel club.

Lascia una risposta