L’Apulia Piano Brass Ensemble ospite a Stoccarda

Si è tenuto venerdì 18 gennaio a Stoccarda il tradizionale “Concerto per il Nuovo Anno”. A fare assaporare i suoni del Sud è stata l’Apulia Piano Brass Ensemble nata dalla collaborazione tra, l’associazione di Alta Cultura Musicale W. A. Mozart di Tricase e il Conservatorio U. Giordano di Foggia con l’intento di fornire ai giovani musicisti occasioni di crescita artistica.

Il concerto è stato organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda con l’associazione Freunde des Italienischen Kulturinstituts Stuttgart e.V., in collaborazione con l’ARCES e.V. di Stoccarda e il Conservatorio U. Giordano di Foggia.

L’Ensemble è partito in una tournée, che tocca per la prima volta anche il suolo tedesco. Il repertorio spaziava dalle arie d’opera alle colonne sonore dei film, passando per i brani della tradizione partenopea e pugliese, ed è stato magistralmente diretto dal Maestro Giuseppe De Marco.

Il tradizionale Concerto è stato introdotto dalla dott.ssa Cristina Rizzotti dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda e dalla viceconsole dott.ssa Elena Sollazzo.

“Suoni del Sud” è il titolo dato a questa serata, ci dice il Maestro Francesco Maggio di Italien Musiziert di Stoccarda e che attraverso una ricca rassegna musicale, da anni agisce per la promozione della lingua e della cultura italiana in Germania. “Abbiamo voluto regalare ai presenti un programma affascinante: da Giuseppe Verdi, Astor Piazzolla, Nicola Piovani con La vita è bella, Ennio Morricone con Nuovo cinema Paradiso, fino ad arrivare con le canzoni napoletane storiche nel mondo da Torna a Surriento di Ernesto De Curtis, Core ‘ngrato di Salvatore Cardillo, a Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno. Il nostro programma chiaramente è rivolto a un pubblico che non conosce ancora l’intera varietà della nostra cultura. Questo compito istituzionale è di fare un ponte solido per la nostra comunità italiana, molto presente nel Baden-Württemberg”.

“Il contatto con il pubblico è sempre emozionante. Siamo orgogliosi di presentare anche qui il nostro repertorio che termina in onore della nostra amata Puglia con Domenico Modugno e il suo inno nazionale Volare”, ci dice il Maestro Giovanni Calabrese. “La nostra associazione si occupa prevalentemente di divulgazione e dell’alta cultura musicale. Facciamo inoltre nuove produzioni, essendo strettamente legati al Maestro Maggio. Abbiamo avuto la prima mondiale di un’opera di cui egli stesso ha scritto la musica a quattro mani, con la poesia di Davide Rondoni: una bellissima opera intitolata “Ai tremendamente vivi”, una cantata per don Tonino Bello figlio del Salento e terra di Puglia, sacerdote a Tricase, Vescovo di Molfetta e servo di Dio”, termina Calabrese. “Dirigere questi ragazzi è stato un piacere, per realizzare un progetto ambizioso che il Conservatorio di Foggia ha sposato”, ci dice il Maestro Falcone. “È un importante messaggio musicale, quello che ha lanciato e che ha l’intento di divulgare attraverso questi giovani la musica sia leggera sia impegnativa. Maggiore è il piacere di essere stati ospiti a Stoccarda in contatto con i miei connazionali e avere contribuito ad attimi indimenticabili. Porterò con me l’entusiasmo di questo pubblico meraviglioso, come la vostra calorosa accoglienza. Vi saluto pertanto solo con un arrivederci a presto”.

Il servizio televisivo redatto in collaborazione con la SDA FotoVideo Production è visibile su televideoitalia.net e su corriereditalia.de

Lascia una risposta